Racconti di vita frugale, di autoproduzione, decrescita, riciclo, decluttering e downshifting , che sono parole spesso citate nei miei post. Uno stile di vita semplice, progetti creativi e di vita di una famiglia assolutamente sperimentale e di due bambine. Idee che dalla mia testa finiscono su queste pagine. Gocce di vita, esperienze e ricette da condividere e da copiare! Benvenuti in questo mondo!

martedì 16 maggio 2017

staffettando, declutterando..e non solo



 L’universo ha senso solo quando abbiamo qualcuno con cui condividere le nostre emozioni.
(Paulo Coelho)

non so voi, ma a me piace staffettare. staffetto con le colleghe al mattino: povere le mie care..devono sottostare alle mie fermate mattutine, coincidenze comprese.
staffetto oggetti e libri. mi affascina il passamano, il fatto che altre persone possano condividere ciò che io ho già letto, sperimentato e fatto mio.
staffetto le amicizie. mi piace il cerchio magico, quello che non si chiude mai, dove gli amici, gli amici degli amici e degli amici ancora possono ritrovarsi al bisogno.

staffetto informazioni. sarebbe troppo riduttivo tenerle per sè.
staffetto emozioni, con gli amici più intimi, con l'amica del cuore e con la sorella in affinità che mi ha letteralmente tolto il respiro.
insomma l'idea della staffetta mi passa delle belle emozioni. la condivisione mi piace. ormai ne sono dipendente.

ma ora passiamo al decluttering primaverile. vittime senza condanna, due scatoloni di oggetti inutilizzati hanno fatto spazio negli armadi, nei cassetti e nella mia vita.
in parte destinati a terzi, molti messi in scambio, tanti-molto rovinati- riutilizzati in altro modo.

purtroppo il gap è dentro di me. ho sempre la sensazione di avere troppo, anche quando, oggettivamente, non è così.
il fatto è che la mia indole disordinata mi porta a creare caos anche con un numero di oggetti inferiore a 10:(
anche qui ci sarà da studiare! ho scaricato il metodo kondo ma ancora devo capirci qualcosa..

in ogni caso da tempo sono sempre più convinta di spendere per buon cibo e buoni (ma pochi) prodotti..ed ovviamente , di autoprodurre a più non posso.

tempo fa ho scambiato dei miei oggetti con un essiccatore. rimasto nell'armadio per un pò. troppi impegni di cui mi libererò presto: la vita casalinga , anche parziale, mi manca terribilmente.
la scorsa domenica mi sono messa all'opera: ho essiccato delle mele

  sono buonissime, e dolcissime, oltre che salutari e decisamente biologiche.
poi è primavera. il nostro corpo ricerca frutat e verdura, cose fresche insomma, come queste ciliegie giganti che ci sono stae regalate: mature al punto giusto, sono andate letteralmente a ruba
 avrei voluto fare della marmellata, ma son finite prima che potessi prendere i barattoli!
anche gli orti qui al sud incominciano a dare i loro frutti
al mercato tante occasioni per il palato ed il portafogli.

l'avete mai provata la focaccia carote e melanzane?
volete che vi sveli un segreto piccolo piccolo?
provate a spolverare con un pò di buccia di limone..e poi mi direte!
buonissimo pomeriggio

lunedì 1 maggio 2017

le cose piccole

La vita è molto semplice, ma noi insistiamo col renderla complicata.
(Confucio)

confucio aveva ragione.
da vendere.
siamo diventati complicati. troppo. troppo presi dalla frenesia del possesso, dell'ultima moda, del consumismo. eppure è così semplice la vita. se guardassimo in su per qualche secondo al giorno...
non so se vi ho mai raccontato di mio cugino-fratello. coetanei, compagni di gioco, studio e vita, non so cosa si provi, da figlia unica ad avere un fratello, ma credo di essere sulla buona strada. io e nicola (questo il suo nome) siamo come dei fratelli, pronti ad aiutarci nel momento del bisogno, nonostante adesso, da adulti, ci separino 800 km.
bene, nicola sta per diventare papà. fortunatamente la sua compagna è una di noi, di una semplicità disarmante. alla mia domanda su come e cosa regalare per la nascita, mi ha fatto un discorso così realistico sui legami che non sono di plastica che ho desistito da qualsisasi acquisto commerciale e consumistico all'ultimo grido in termini di tecnologia o di vestiario ( che ha già provveduto a richiedere alle amiche con bambini più grandi)
allora ho pensato di regalarle qualcosa che potesse rimanere per ricordo. un set portaciuccio e prima tutina, per esempio.
ho utilizzato delle cotonineali, di una morbidezza avvolgente e le ho cucite con semplicità. la più piccola conterrà il ciuccio ed i braccialetti dell'ospedale.
la sacca più grande il primo cambio.

li confezionerò in una carta con dei grandi cuori rossi perchè l'affetto non è scritto su uno scontrino. l'affetto è il pensare con tutto il cuore.
felice 1 maggio!